Alexia

pubblicato in: Community | 2
Tempo di lettura: 3 minuti

Lei si che era Happy….

Buon anno scolastico a tutt*… eh si, siamo quasi a fine novembre ma questo è solo il mio primo articolo, purtroppo sono stato in altre facende affaccendato.

Oggi parliamo di umori, in particolare di canzoni divertenti che alleggeriscono un po’ l’atmosfera o che conciliano un momento già felice; perché non so voi, ma io quando sono triste o abbacchiato, difficilmente ascolto canzoni allegre. Insomma: “Bad Day“, sad song, good day, “happy” song!

All’interno delle canzoni che io considero “happy” ci sono diversi filoni, le cover, canzoni in cui l’artista prende la base musicale di una canzone e ne modifica il testo ottenendo una canzone satirica, irriverente, “disinibita” e ottiene un effetto comico. Non possiamo non citare all’interno di questo filone Leone Di Lernia, purtroppo recentemente scomparso, gli “squallors”, Tony Tamarro con le sue “Mio fratello fuma a scrocc” o “Teorema”, youtubers del calibro dei PanPers, che hanno rifatto i principali tormentoni estivi da “Maria salvador” a  “Roma – Bangkok“. Anche comici molto famosi come Claudio Bisio si sono cimentati in questo genere; come non ricordare “Le donne di Tunisi” cover della più famosa canzone “Le donne di Modena” di Francesco Baccini.

Dal capolavoro di Modugno, “Vecchio frack” non poteva che uscire una bellissima canzone 😉 che ironizza sulla smart ma soprattutto sul traffico dei pendolari che si ritrovano all’andata e al ritorno sul GRA. Questa band trae il suo nome dalla prima canzone di successo, cover della famosissima “T’appartengo” di Ambra e che si intitola appunto “Gnometto”. Mentre cercavo questa canzone non poteva non venirmi in mente “Casilina“, cover del tormentone “Gasolina”!!

Questo primo filone è stato spesso classificato come trash, per i contenuti spesso un po’ volgari, ma principalmente in quanto si serve di basi famose. Diverso è il caso di band come “Elio e le storie Tese” che hanno composto decine e decine di pezzi partendo dalla scrittura di basi, arrangiamenti e testi con l’unico intento di creare canzoni pungenti e/o divertenti. Altri esempi di questo filone sono i “latte e i suoi derivati” alias “Lilo e Greg” con i suoi cavalli di battaglia come “Otto il passerotto” o “E noi a gino lo menamo” con una bellissima base Ska, oppure il torinese Marco Carena, “Questione di sfiga” e “Buonanotte” diventato famoso per il suo black Humor. Andando più indietro nel tempo non si può non citare il duo Cochi e Renato.

Canzone che sia musicalmente che dal punto di vista del testo ho subito apprezzato, analizza lo strano triangolo che alcune volte si realizza tra una coppia e un “guastatore” esterno. Non a caso il nome scelto per questo “intruso” è tra i più diffusi, quasi a sottolineare che questa dinamica non è così poco frequente.

Un giovanissimo Benigni si è cimentati in canzoni che magari non tutti conoscono, vedi “L’inno del corpo sciolto” canzone che risale ai primi anni ’80. Oltre ad eseguire cover, Bisio ai suoi esordi cantava “Rapput“, canzone su cui sicuramente ai giorni nostri il giudizio sarebbe più critico.

Questa canzone è invece un’aperta critica ai discotecari che vengono additati come musicalmente ignoranti, “io non capisco la si do re mi fa sol, io non capisco, non capisco, non capisco, allora ballo la disco music”. Nel video è inserito un chiaro riferimento ad un altra canzone del gruppo, a mio parere la più bella sia per testo che per musica, vi invito a scrivere il titolo di questa canzone nei commenti!

Vorrei concludere l’articolo con il mio solito aneddoto di viaggio. Circa una decina di anni fa accompagnai un mio allievo a Melfi per un concorso multimediale e tra i lavori presentati c’era un filmato con la seguente colonna sonora, il mio primo contatto con Tony Tamarro

Purtroppo l’anno successivo abbiamo perso il treno e non siamo riusciti a partecipare nuovamente ma di quell’esperienza mi è rimasto un bellissimo ricordo.

Spero di riuscire a scrivere presto, ma nel caso in cui non ci riuscissi… anche a voi e famiglia 😉

Jepu75

 

PS se volete, nei commenti inserite i vostri cantanti o comici e le vostre canzoni “happy” preferite!!!

Seguici su:
error

2 Risposte

  1. Roberto
    | Rispondi

    Bravo Jepu. Mi hai fatto ricordare le risatone fatte con gli amici quando ascoltavamo le canzani clandestine degli Squallor.
    E come fai a dimenticare il famoso Toro che stava nelle ….
    Elio E le storie tese gran musicisti, basta sentire l’arrangiamento di questo brano. Disco music ma di gran classe.
    Complimenti anche per quante ne sai.

  2. Roberto
    | Rispondi

    Dimenticavo. Che scoperta Vergassola in stile Concato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *