Perché ho scritto sbagliato? Gli errori di scrittura più frequenti e il metodo per evitarli

pubblicato in: Blog studenti | 1
Tempo di lettura: 3 minuti

Sovente, quando si scrive una mail, una lettera, un tema (o anche un whatsapp!), si commettono errori.

Possono essere gli errori di base (ad esempio quelli ortografici), oppure errori che rendono difficile o addirittura impossibile comprendere un pensiero.

In questo caso si parla di problemi di sintassi (cioè di ordinamento delle parole) o di costruzione (che vuol dire, metaforicamente, questo: hai messo l’ascensore solo tra il quarto e il sesto piano, non hai costruito le rampe di scale tra il piano terra e il secondo piano, hai collocato il negozio al quinto piano e l’abitazione al piano terra).

Insomma, quando l’ordine del pensiero manca, ecco dietro l’angolo lo strafalcione!

Vuoi provare ad evitare gli strafalcioni? Guarda questi esempi e cerca di migliorare la loro struttura formale e sintattica, imparando un semplice metodo utile a ragionare meglio su quello che intendi dire.

Vedrai che, se lo applicherai, poco alla volta la tua scrittura diventerà più chiara e comprensibile.

  1. Un giorno egli portò la notizia [errore di lessico] che sarebbe partito il giorno dopo per un anno a Mosca [errore di costruzione] (che cosa voleva dire l’autore di questa frase? 1. Un personaggio illustra un cambiamento di vita che stava per accadergli; 2. sarebbe partito per Mosca 3. sarebbe stato in quella città un anno. Come posso rendere comprensibile la frase? Un giorno egli comunicò che stava per partire per Mosca. Lì sarebbe rimasto un anno)
  2. Le idee di esso alle donne come me possono fare male (che cosa voleva dire l’autore di questa frase? 1. Le idee espresse da qualcuno sono contrarie al suo modo di pensare; 2. se attuate, queste parole possono diventare pericolose. Come posso rendere comprensibile la frase? Le sue idee sulle donne possono fare male, a persone che la pensano come me).
  3. Un altro fattore dell’aumentato divorzio è perché la gente tradisce [sintassi e forma] (che cosa voleva dire l’autore di questa frase? 1. Un fattore fa aumentare i divorzi. 2. La volontà di tradire il partner. Come posso rendere comprensibile la frase? Un altro possibile motivo che fa aumentare il numero di divorzi è questo: la gente tradisce la reciproca fiducia.
  4. Il problema secondo me sta nel fatto di come si atteggia lei, avvicinandosi e toccandolo anche fisicamente oltre che con l’anima [punteggiatura, lessico e forma]. (che cosa voleva dire l’autore di questa frase? 1. Il problema della donna è l’atteggiamento.2. quando si avvicina a lui lo fa in due modi: dal punto di vista fisico e psicologico. Come posso rendere comprensibile la frase? Il problema, secondo me, sta nell’atteggiamento della donna, quando si avvicina all’uomo fisicamente, oltre che psicologicamente.
  5. Nasten’ka riusciva a liberarsi ingannandola attraverso la domestica. (che cosa voleva dire l’autore della frase? 1.  Nasten’ka voleva liberarsi da una costrizione impostale da qualcuno. 2. Lo faceva servendosi della domestica. Come posso rendere comprensibile la frase? Nasten’ka riusciva a liberarsi dal controllo della nonna servendosi della domestica).
  6.  A volte poi mi è anche capitato che confrontandomi sulle mie idee con le persone e di essermi sentita dire o che avevo torto oppure che  a loro le mie idee non interessavano (che cosa voleva dire l’autore della frase? 1.Si è confrontato con idee altrui; 2. Si è sentito dire che le sue posizioni non interessavano o che aveva del tutto torto. Come posso rendere comprensibile la frase? A volte, poi, mi è anche capitato, quando ho confrontato le mie idee con altri, di sentirmi dire che avevo torto o che le mie idee non erano interessanti)
Seguici su:

  1. roberto
    | Rispondi

    Bravo Paolo. Perché non vai a vedere e a correggere tutti gli strafalcioni che scrivo nei miei articoli. Potremmo farci delle gran risate. 🙂
    Ottimo contributo, ho cercato di risolvere gli “strafalcioni”, ma non credo di essere riuscito a risolverli. Ops… forse è meglio scrivere: ma non credo di esserci riuscito.
    Oppure: ma credo di non esserci riuscito. Boh! Non è per niente facile questo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *